comunicazione formazione Impara a Negoziare relazioni vendita

Deficit di Attenzione! Alcune cose che un Negoziatore di Successo non può permettersi.

sbadato (1)

Quanto ci costa un deficit di attenzione?

Non so perchè, ma nell’ultimo periodo, girando tra le varie aziende che seguo, mi è capitato sempre più volte di incontrare persone alle prese con una grave patologia che colpisce senza fare differenze i capi d’azienda, i loro manager, i loro dipendenti e così via…

Mi sono chiesto, se questa patologia colpisse queste persone anche al di fuori del posto di lavoro e interrogando alcuni di loro, ho scoperto che portano questo problema anche a casa.

Di cosa sto parlando?

Sto parlando di una patologia difficile da curare, ma che deve essere necessariamente curata, perchè se trascurata, può portare a gravi danni.

Amici ed Amiche sto parlando del Calo di Attenzione o Deficit di Attenzione!

Un Negoziatore non può permettersi dei Deficit di Attenzione, rischia di compromettere il Negoziato, così come un padre di famiglia che guida l’auto non può avere un calo di attenzione mettendo a rischio la vita dei suoi cari.

In questo mondo attuale siamo bombardati da migliaia di messaggi, tutta questa informazione ha su molte persone un effetto collaterale, praticamente diventa come un boomerang, gli ritorna dietro la testa e provoca danni.

Quando un Negoziatore, o un uomo o chi per esso sia, si sente fuori forma, deve avere il coraggio di fermarsi, perseverare in molti casi non ti porta a nulla di buono, anzi in molti casi ti porta alla rovina.

Scopriamo insieme alcuni sintomi del Deficit di Attenzione:

  1. Accresciuta probabilità di mancare informazioni chiave in fase decisionale.
  2. Ridotta disponibilità di tempo da dedicare alla riflessione sulle transazioni informative che non siano quelle semplici, come messaggi telefonici ed e-mail.
  3. Difficoltà nel mantenere desta l’attenzione altrui.
  4. Diminuita capacità di focalizzazione quando c’è ne bisogno.

Presta molta attenzione a ciò che hai appena letto, e se ti rivedi in uno di questi quattro punti, fermati, hai bisogno di ricaricare le pile, perchè ricordati sempre che il Negoziatore è un risolutore, un facilitatore, non diventare in un Negoziazione un ostacolo.

Resta sempre vigile ed attento poichè l’attenzione è uno di quei fastidiosi asset intangibili in quanto risulta difficile da documentarne la presenza, mentre al contrario di sicuro se ne percepisce l’assenza!

Se in questa economia vuoi avere successo, devi essere bravo nel catturare l’attenzione, se vuoi tenerti stretti i tuoi collaboratori devi catturare e mantenere desta la loro attenzione, se vuoi vendere prodotti e servizi, la tua clientela deve volgere attenzione nella tua direzione, se guidi un’azienda quotata e vuoi farne lievitare il valore azionario, devi attrarre l’attenzione degli investitori e degli analisti, in poche parole, non è più sufficiente essere un’organizzazione solida e con delle competenze, devi eccitare le cellule cerebrali e i cuori del tuo audience di riferimento.

Tutto questo processo richiede una Negoziazione, tutto va Negoziato il successo come l’insuccesso, ti è chiaro?

Il Negoziatore è un Essere Superiore, capace di mettere in accordo più parti.

Un rischio di una gestione scorretta dell’attenzione si traduce in costi di opportunità,  perchè chiunque voglia vendere qualcosa, o persuadere qualcuno a fare qualcosa, deve investire e Negoziare sui Mercati dell’Attenzione e creare scarsità, cioè poche informazioni, mirate e dettagliate, chi ti segue è colui che lo fa in modo spontaneo e con piacere.

Ti è mai capitato di lasciare una e-mail in cambio di un e-book gratuito o di un video? Sicuramente si!

Magari ti sei iscritto a decine di liste perchè pensi di riuscire a seguirle tutte, ma in realtà ne segui solo 1 o al massimo 2 e sai perchè?

Perchè come dimostrano gli studi Psicologici, l’attenzione è limitata, ciò che si spende in un posto non può essere simultaneamente allocato altrove, vuoi un esempio ancora più forte? Ricordi quando ho scritto del papà che guida l’auto per andare in gita con la famiglia? Beh è dimostrato dagli studiosi che si occupano di sicurezza autostradale, che i guidatori che usano il cellulare mentre guidano, hanno una probabilità quattro volte maggiore di avere un incidente, perchè esposti a continui deficit di attenzione.

Ogni economia presenta degli attori, in veste sia di organizzazioni sia di individui, e da questi punti di vista il mercato dell’attenzione va considerato un’economia, perchè il comune senso degli affari ci dice che chi riesce a farsi notare va avanti.

Dato che l’attenzione è un’entità invisibile all’interno del cervello umano, probabilmente non disporremo mai di una moneta formale chiamata attenzione.

In tutte le economie ci sono produttori e consumatori, un’offerta e una domanda.

L’economia dell’attenzione ha decisamente i requisiti necessari, come si è osservato, siamo tutti produttori di informazioni che cercano l’attenzione dei consumatori,ma allo stesso tempo, siamo anche consumatori di informazione, con un solo ammontare limitato di attenzione da prestare al mondo.

Per consumare informazione, dobbiamo anche essere gli investitori del nostro portafoglio individuale di attenzione, perchè tieni sempre a mente che l’attenzione è un bene altamente deperibile.

Grazie per la Tua Attenzione.

Se hai delle considerazioni da fare, inserisci il tuo commento, renditi attivo!

Impara a Negoziare.

“Negoziare per Vincere”

Ciao al prossimo articolo.

Domenico De Sena

ADESSO è ORA

Lascia un Commento